Archivio

Archivio Gennaio 2006

"oscuriamo" controcampo

29 Gennaio 2006 2 commenti

Trasmissione Sportiva “CONTROCAMPO”

22 gennaio 2006

Alla redazione di Controcampo.

Forse questa lettera non arriverà mai ad essere letta da chi prende le decisioni sulla linea editorialeforse verrà cestinata prima ancora che uno di Voi giornalisti ne legga il contenuto e ne capisca lo spirito, posto che ne abbia la sensibilità, ma chi come noi ha passione nel difendere gli ideali in cui crede, di certo non si spaventa nello scrivere una lettera che forse mai nessuno leggerà.

Non è importante che io sia un Ultrà della Curva Scirea o un semplice tifoso, uno dei tanti ragazzi e ragazze che ogni domenica segue la propria squadra in casa e trasferta, lontano o vicino che sia .
Non è importante che io sia uno dei tanti, in Italia o allEstero, che non sempre ha la possibilità di andare allo stadio ma che a modo proprio sta sempre al fianco della squadra.
Non è importante che io sia uno che a volte la Juve la segue anche in TV nelle trasmissioni da Voi confezionate, o sui tanti, troppi giornali sportivi.
L’importante è che sappiate che Io sono uno Juventino, un Gobbo, orgoglioso di esserlo e da troppo tempo offeso ed umiliato dalla Vostra condotta editoriale, se così possiamo chiamarla .
Ricordo che i presupposti di un corretto esercizio del diritto di cronaca sono quattro :

-Che la notizia sia vera;
-Che esista un interesse pubblico alla diffusione della stessa;
-Che linformazione venga tenuta nei giusti limiti della più serena obbiettività;
-Che lesposizione sia corretta anche in riferimento alle modalità espressive ed al tenore.

Vi scrivo dopo aver visto la Vostra trasmissione Controcampo del 15 gennaio scorso nella quale , ahimè, ancora una volta è stata data ai telespettatori una idea distorta e falsa di quello che effettivamente è successo allo Stadio delle Alpi .
Vi scrivo perché i quattro principi sopra elencati sono stati dimenticati poco elegantemente in occasione del servizio sulla partita Juventus Reggina dal giornalista Marco Cherubini.
Ricorderete che in quella data si festeggiava – tutto il popolo bianconero festeggiava – il Capitano Alessandro Del Piero che, da poco, aveva raggiunto e superato il record di Gol in assoluto in maglia bianconera.
Il servizio di Marco Cherubini è stato a dir poco una applicazione di quella che noi riteniamo una linea editoriale ormai collaudata e seguita, contro di noi tifosi della Juve, sia dalla Vostra rivista sia dalla Vostra trasmissione..
Una linea editoriale che va contro la nostra squadra, la Juventus, una linea editoriale che fino a poco tempo fa tirava direttamente in ballo la Società e che solo a seguito delle forti proteste della stessa Società, è stata modificata …e come?
Attaccando ora direttamente i Tifosi, e si badi bene non dico solo gli Ultrà ma i Tifosi tutti, ritenuti forse da Voi lanello debole e più facile da colpire .
Vi inviterei a rivedere il filmato del servizio :

-Inquadratura, in apertura di servizio, con riprese di una Curva Scirea vuota perché fatte unora prima dellinizio della partita quasi a far vedere che nel giorno della festa per Del Piero in Curva non cera nessunoFalso!

-Stupida e gratuita ironia sullo striscione che riportava il numero dei 183 Gol segnati dicendo che doveva essere aggiornato in quanto i gol erano di più!
Senza considerare minimamente che lo striscione voleva sottolineare i 183 gol come momento del sorpasso a Boniperti. Ovviamente si capiva benissimo ma guai a dirloo a spiegarlo..Scorretto!

-Altrettanto stupida e gratuita l’ironia sul contenuto dello striscionedefinito di poca fantasia.ma secondo noi solo ai superficiali le semplici frasi sembrano retoriche;

-E così via nel commento al servizio filmato con Cherubini che dissertava di cori tutti uguali, di muse ispiratrici e di altre amenità sostanzialmente inventate.

In realtà ognuno di noi esprime la passione con la fantasia che haed averne poca non è una colpa…ma di quella giornata la cosa importante, che voi non avete minimamente evidenziato, è stata la sincerità e la spontaneità delle manifestazioni di affetto nei confronti del Nostro Capitano
Sinceramente, per tutti Noi, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, il culmine di una serie di attacchi più o meno velati che ci porta oggi a dire con forza e convinzione BASTA!!
Certo noi non siamo la Società Juventus Football Club, siamo tanti singoli uomini e donne uniti dalla passione per una Maglia ma siamo pronti a difendere la Maglia con ogni mezzo lecito, civile ma altrettanto duro e deciso , perchè attaccando Noi attaccate la Nostra Maglia !

Mercoledi 19 scorso, una frase ci ha definitivamente convinto che non si poteva piu’ aspettare. In corso di trasmissione commentavate cosi’:
“quest’anno non si puo dire che la juve venga aiutata dagli arbitri, se vincera’ lo scudetto sara’ il primo non rubato.”

E cominceremo da subito :
Non guarderemo più la Vostra trasmissione e non acquisteremo la Vostra rivista e i prodotti reclamizzati in una e nellaltra.useremo i mezzi che la tecnologia e la legge ci mettono a disposizione per far conoscere la nostra protesta e le nostre ragioni.
Faremo questo a difesa della verità dei fatti ed a difesa della Juventus intesa come Squadra, Maglia e Tifosi Tutti.. e continueremo finchè non darete tangibili segnali di scuse e modifica di un atteggiamento che ormai a nessuno, ma proprio a nessuno, sembra casuale.
Siamo sicuri che non avremo mai e poi mai lo spazio di una trasmissione a livello nazionalema abbiamo risorse umane e tanta, ma tanta unione di intenti ….
Quella unione che ci è data dallOrgoglio di essere Juventini nel Cuore, nellAnima e nel Cervello..
Queste sono le nostre tre armi contro di VOI …..non vi sembrino innocue!!

“SPEGNIAMO” CONTROCAMPO!

Ogni Gobbo che e’ orgoglioso di esserlo, apponga una firma a questa lettera aperta, come forma protesta, nei confronti di questa trasmissione che da anni tieni una linea editoriale sempre e comunque lesiva nei nostri confronti.

Invia DURANTE la trasmissione di domenica 22 gennaio e nelle altre a susseguire, almeno un sms con il seguente testo:

“AVETE VOLUTO LA GUERRA E ORA INIZIA LA NOSTRA:
BOICOTTIAMO CONTROCAMPO, NON GUARDIAMO LA TRASMISSIONE NE I SUOI SPONSOR.
IL NOSTRO ORGOGLIOGOBBO VI DISTRUGGERA’!”

Dateci tutti una mano. Facciamoci rispettare. Siamo tanti, dovunque e siamo GOBBI.

Drughi
Gli Utenti del Forum dei Drughi (www.drugi.com/home/forum/)
Orgogliogobbo (www.orgogliogobbo.com)
Riferimenti: petizione controcampo

Juventus-Roma, che sfida!

23 Gennaio 2006 1 commento

Per lâandata dei quarti di finale di Coppa Italia, la Juventus scende in campo giovedì sera al Delle Alpi, alle ore 21.00, contro la Roma di Spalletti. Eâ un incontro che promette spettacolo e scintille: la capolista in campionato sfida la squadra che ha ottenuto più punti nel 2006. I giallorossi stanno attraversando un ottimo periodo, vengono da cinque vittorie consecutive in Serie A e sembrano essersi completamente ripresi da un inizio di stagione segnato da qualche difficoltà .

Nonostante lâassenza di Francesco Totti, tra i principali autori della rinascita della Roma, domenica scorsa i romani hanno battuto lâUdinese con un secco 4-1, dimostrando di saper fare bene anche senza il loro capitano. Merito di Mancini, che nelle ultime tre gare ha segnato quattro reti, e del tecnico Spalletti, che ha evidentemente trovato la giusta alchimia per riuscire a vincere sia in casa che in trasferta. Il successo contro i friulani ha infatti rappresentato la quinta vittoria fuori casa della formazione romana, che in questo campionato ha raccolto più punti lontano dallâOlimpico che davanti al pubblico amico.

Nella speciale classifica, soltanto la Juventus è riuscita a fare meglio, con sette vittorie, due pareggi ed una sconfitta in trasferta. La gara del Delle Alpi sarà , perciò, certamente spettacolare e vedrà entrambe le squadre scendere in campo con lâobiettivo di ipotecare la semifinale, che si giocherà a fine marzo contro la vincente tra Milan e Palermo. I giallorossi sono approdati ai quarti battendo il Napoli 3-0 fuori casa e 2-1 allâOlimpico. La Juventus ha invece ottenuto il passaggio del turno pareggiando a Firenze (2-2) e battendo i viola a Torino con un perentorio 4-1, nella partita divenuta storica per la tripletta record di Del Piero. Una prestazione da ripetere per domare anche la Roma e rimanere protagonisti in tutte e tre le competizioni che vedono impegnata la Juventus. Campionato, Champions League e Coppa Italia.

Alex, il numero uno

12 Gennaio 2006 Commenti chiusi

âSono contento è inutile nasconderlo. Aver raggiunto e superato giocatori che hanno fatto la storia di questa società è un motivo di grande orgoglioâ. Alex Del Piero ce lâha fatta: ha superato Boniperti nella classifica dei marcatori bianconeri di tutti i tempi, divenendo il numero uno in assoluto. Sarebbe bastato un gol, ma contro la Fiorentina il capitano ha voluto âstrafareâ siglando addirittura una tripletta e balzando di colpo a quota 185: âBeh meglio così â continua Alex â a volte capita di non riuscire proprio a buttarla dentro, questa volta invece ne sono arrivati tre in un colpo. Eâ bello ricevere i complimenti dei compagni, segnare, vincereâ¦Sono soddisfatto, naturalmente a livello personale, ma anche per la squadra che ha giocato unâottima partita centrando la qualificazione alla grandeâ.

Il record per il capitano è arrivato proprio contro la Fiorentina, una delle sue vittime preferite, alla quale segnò nel â94 uno dei gol che ricorda con maggior piacere: quello che completò la storica rimonta da 0-2 a 3-2: âEâ una bella coincidenza: quello fu un gol spettacolare ma anche molto importante per il nostro campionato. Anche i gol di questa sera segnano una tappa importante della mia carriera e spero che siano un nuovo punto di partenza. Cosâho provato quando ho segnato? Beh, allâinizio ero un poâ spaesato, non mi aspettavo di segnare così presto. Eâ accaduto tutto molto velocemente⦠forse queste cose te le godi di più con il passare del tempoâ. Ma Alex avrebbe mai immaginato, appena giunto alla Juventus, di arrivare tanto in alto? âNo, francamente no. Sono arrivato qui molto giovane e per me era già il massimo giocare per la Juve. Eâ stato così per tutti questi anni, nei quali ho sempre guardato poco ai numeri. Del resto del record si è iniziato a parlare questâanno, ma vedevo sempre questi numeri troppo lontani, e inveceâ¦â E invece ora Alex ha riscritto la storia della Juventus: âEâ un momento storico, è vero, ma come ho già detto altre volte, non sono solo i gol a segnare lâimportanza di un giocatore in una determinata società . I numeri contano, ma è fondamentale anche la presenza di una persona nei diversi momenti che una squadra vive, le vittorie come le sconfitteâ. Infine la dedica del nuovo record: âIl pensiero va a tutte le persone che mi sono state sempre vicine, mia moglie, la mia famiglia, i miei amiciâ¦con loro festeggerò in privatoâ.

In pubblico la festa per Alex ci sarà invece domenica 15 gennaio, nel prepartita di Juventus-Reggina, quando tutti insieme celebreremo il record del capitano. Non mancate!

cassano al real… finalmente

3 Gennaio 2006 5 commenti


Antonio Cassano tira i primi calci al pallone nei campi di Bari vecchia, poi nella squadra giovanile della ProInter ed infine indossa la casacca del Bari. Dopo aver entusiasmato nei campionati giovanili l’allora mister della prima squadra Fascetti decide di farlo esordire in serie A all’età di soli 17 anni. Antonio ripaga ben presto la fiducia concessagli, realizzando contro l’Inter uno straordinario gol in contropiede.
Intorno a lui si scatenano subito gli appetiti dei grandi club, apparentemente Roma e Juventus su tutti, e per la cifra di circa 60 miliardi di lire Cassano vestirà la divisa giallo rossa a partire dall’estate del 2001, potendo così giocare con il suo idolo calcistico: Francesco Totti.
Nelle ultime stagioni il campione barese progredisce costantemente sotto il piano tattico e della disciplina in campo e fuori, anche se per la verità, questo è ancora l’aspetto che costituisce il suo tallone di achille. I gol segnati passano dai 5 della prima stagione ai 14 dell’ultima, con prestazioni sempre più continue e convincenti tanto da fargli meritare la chiamata di Trapattoni per gli Europei del 2004.

La stagione 2004 – 2005 ha visto proseguire il talento barese sulla via della consacrazione nel palcoscenico del calcio mondiale, tuttavia la situazione della Roma calcio sicuramente non ne ha favorito la tranquillità emotiva di cui necessita.
I numerosi cambi di allenatore alla direzione tecnica della squadra, da Prandellia a Voeller, da Del Neri a Bruno Conti ed ora a Spalletti non hanno permesso che si formasse quell’affiatamento indispensabile a far rendere al meglio un carattere come quello di Cassano.
Non sorprende quindi più di tanto che Antonio si senta attratto da un’esperienza con il suo vecchio allenatore Capello alla Juventus, che malgrado la fama di carattere “burbero e dispotico”, aveva allacciato un rapporto autentico di stima reciproca con il giocatore.
Forse in quest’ottica sono da leggersi le difficoltà per il rinnovo contrattuale, non certo poi favorite dalla proposta al risparmio della Roma che dopo aver ottenuto i prolungamenti con Totti e Montella, ha deciso di fare economie per mantenere bilanci sani proprio sul suo talento in prospettiva futura più luminosa.
Sarà che Cassano a Roma comincia a sentirsi soffocato, messo sul rogo della pubblica piazza da una società che dopo la partenza di Capello non é stata più in grado di guidarlo e difenderlo, sarà che la sensazione di un ridimensionamento futuro degli obiettivi della squadra sembra purtroppo evidente, ed il caso, o meglio, pasticcio, Mexes é solo una ciliegina su una torta indigesta per i tifosi, ma questa volta il richiamo delle sirene juventine sembra a tutti veramente preoccupante.
Se non per la prossima stagione, come Moggi giura e quindi con l’apprensione che le sue affermazioni di questo tipo generano, il timore è quello di perdere un calciatore come Antonio Cassano, pagato 30 milioni di euro, a parametro zero la prossima stagione.
Ottimo affare non vi pare?
Nato il, a:
12 luglio 1982, Bari
Altezza e Peso Forma:
1.75 m e 72 Kg
Piede di calcio
Destro naturale
Ruolo e posizione in campo
Attaccante capace di coprire indistintamente l’intero fronte offensivo
Numero di Maglia nell’ultima stagione
18
Esordio in Serie A
11/12/1999, Lecce-Bari 1-0

Coppa Italia da non perdere

2 Gennaio 2006 Commenti chiusi

La prima gara casalinga del 2006 sarà una ghiotta occasione per i tifosi bianconeri, di assistere ad una partita di cartello a prezzi estremamente vantaggiosi: per la sfida di ritorno degli ottavi di finale di Coppa Italia contro la Fiorentina, in programma il 10 gennaio alle ore 21.00, i biglietti partono da 5 Euro, per le curve; idem dicasi per il settore Est 1, dove le donne e gli under 13 pagheranno addirittura un solo Euro.

I tagliandi per tutti i settori sono comunque in vendita a prezzi molto convenienti: 10 Euro per il settore Est 2, 15 per lâOvest 1 e 30 Euro per le Poltroncine Blu e le Poltroncine centrali.

Dalle ore 10.00 di lunedì 2 gennaio sarà possibile acquistare i biglietti tramite internet oppure nelle ricevitorie Lottomatica autorizzate; la prevendita on line terminerà alle ore 23,59 del 9 gennaio, mentre nelle ricevitorie si potranno acquistare i tagliandi sino allâinizio della partita.

Unâoccasione da non perdere per essere allo stadio e spingere la Juventus verso i quarti di finale; in virtù del 2-2 maturato allâandata ai bianconeri potrebbe infatti bastare un pareggio per 0-0 o per 1-1 per passare il turno, anche se lâobiettivo è quello di sempre: vincere.