Archivio

Archivio Febbraio 2004

torneo viareggio

25 Febbraio 2004 Commenti chiusi


Viareggio, trionfo bianconero
25 02 2004

(La Presse)
Un anno dopo, 10 anni dopo, 43 anni dopo. Anche nel 2004 la Juventus iscrive il proprio nome nell?albo d?oro del Viareggio, per la quarta volta nella sua storia. Al termine di un cammino fantastico e di una doppia finale con l?Empoli, oltre 210 minuti di battaglia tra oggi e lunedì. Quarantotto ore dopo il 3-3 della prima gara, i bianconeri di Chiarenza hanno calato un altro tris (3-0), con le reti di Chiumiento (eletto miglior giocatore del torneo), Konko e Palladino su rigore (il bomber bianconero con 5 reti), e Mirante ha fatto il resto confermandosi miglior portiere del torneo con alcune parate spettacolari e decisive.

Due giorni dopo, Juventus ed Empoli ci riprovano. Dopo lo spettacolare 3-3 di lunedì allo ?stadio dei pini? di Viareggio si gioca la finale bis. Rispetto alla prima sfida, si vede la mano del giudice sportivo del torneo. I tanti cartellini gialli estratti da Farina hanno lasciato il segno. Il tecnico toscano Pane ha addirittura quattro squalificati: Tampini, Frizzi, Mitra e Magnani. Chiarenza deve fare a meno del beniamino di casa Masiello e manda in campo una squadra con Mirante in porta, difesa a quattro con Bartolucci, Carretto, Urbano e Fumasoli, centrocampo con Scicchitano, Luci e Boudianski, Chiumiento è come sempre alle spalle di Benjamin e Palladino.

La stanchezza rimediata dopo la maratona di lunedì è una variabile che potrebbe incidere, specie con il passare dei minuti. Le due formazioni partono a ritmi piuttosto blandi, con iniziativa prevalentemente in mano dei bianconeri. I primi 20 minuti scorrono tranquilli, almeno dal punto di vista delle emozioni, a parte un mancato colpo di testa di Palladino da posizione invitante. Al 23? ci prova Scicchitano da lontano, con palla alto di poco. Al 26? l?occasione buona capita tra i piedi di Benjamin, servito alla perfezione da Chiumiento, ma il nigeriano non riesce a controllare a due passi dalla porta. Dall?altra parte, bella iniziativa di Caetano per Mariotti che controlla e batte a rete ma tra le braccia di Mirante.

Ma al 33? la gara si sblocca e a mettere la firma è sempre Chiumiento, uomo da finali. Dopo il gol partita l?anno scorso con lo Slavia Praga e la magnifica punizione dell?1-1 di lunedì scorso, l?italo-svizzero inventa una rete da applausi girando da campione uno splendido lancio di Luci. Pochi minuti dopo, botta di Scicchitano e pallone a lato di un soffio. La risposta empolese è di Caetano con girata destra e ottima risposta di Mirante. Ma è sempre Juve. Al 43?, fantastica girata di Palladino e miracolo di Paoletti. Il portiere toscano si esalta ed è solo grazie a lui se la squadra di Chiarenza non va al riposo sul 2-0, davvero strepitoso altre due volte sullo scatenato Chiumiento. Tutti negli spogliatoi sull?1-0.

Ripresa. Le squadre tornano invariate sul terreno di gioco. L?Empoli torna in campo con l?input di trovare subito il pareggio, stando attento a non sguarnire il fianco al contropiede juventino. I toscani si vanno vedere su un?azione d?angolo ma nessuno riesce a deviare in modo vincente. I bianconeri ci provano con Luci, ma botta centrale e parata da Paoletti. Intanto primo cambio per Pane: Rebecca per Laganà. Al 14? Mirante deve metterci la massima attenzione per parare una botta da fuori di Lonzi.

Al 18? anche Chiarenza inizia a cambiare. Fuori Benjamin e dentro Konko. L?Empoli non molla e Mirante si conferma ancora quale miglior portiere del torneo compiendo un autentico prodigio su Caetano. Ma al 28? la mossa del mister dà i frutti. Azione di Palladino a destra e perfetto centro per il tocco di Konko che insacca il raddoppio. Ora la partita è più che mai nella mani dei bianconeri. Il tecnico empolese prova a gettare nella mischia anche Mori, ma le cose non cambiano. Al 42? i bianconeri mettono il definitivo sigillo. Palanca concede il rigore per un netto fallo subito da Luci. Batte Palladino e ripete la prodezza riuscita lunedì. Prima della fine, Chiarenza lascia il palcoscenico anche al difensore Borla Tridon e al portiere Scarzanella (arrivato all?ultimo a Viareggio per sostituire Avitabile volato a La Coruna con la prima squadra), in campo per Bartolucci e Mirante. Il triplice fischio di chiusura fa partita la grande e meritata festa bianconera. La Juventus centra il poker e succede a se stessa dopo il trionfo del 2003 targato Gasperini.

JUVENTUS-EMPOLI 3-0 (1-0)

Juventus: Mirante (46? st Scaranella); Bartolucci (45? st Borla Tridon), Carretto, Urbano, Fumasoli; Scicchitano, Luci, Boudianski; Chiumiento; Palladino, Benjamin (18? st Konko). All: Chiarenza. A disposizione: Bentivoglio, Clemente, La Vecchia, Zeytulaev.
Empoli: Paoletti; Briglia, Coda, Garbini (32? st Mori), Lonzi; Pellecchia, Baronetto, Laganà (11? st Rebecca), Michelotti; Caetano, Mariotti. All. Pane. A disposizione: Melillo, Baldenzeddu, Bertoncini, Agnorelli, Mengoni.
Arbitro: Palanca di Roma.
Reti: 33? Chiumiento, 29? st Konko, 42? st (rig) Palladino.
Note: ammoniti Coda e Mariotti.

onore alla roma e al milan

9 Febbraio 2004 Commenti chiusi


Del Piero: ?Non molliamo!?
09 02 2004

(La Presse)
Il giorno dopo la sconfitta dell?Olimpico il capitano bianconero parla con i giornalisti del momento della squadra. Prima di iniziare la sua disamina, però, Alex ci tiene a puntualizzare che il motivo per cui all?Olimpico non è sceso in campo è stato un problema fisico: ?Ho letto tante ipotesi, devo dirvi che mi hanno lasciato del tutto indifferente. La verità è che avevo un fastidio agli adduttori, abbiamo provato fino all?ultimo e alla fine abbiamo deciso di non rischiare. Oggi l?ecografia ha confermato per fortuna che non si tratta di nulla di grave, spero di tornare in campo giovedì o al più tardi domenica?.

Sul momento della squadra, Alex si dimostra ottimista, così come lo è stato Lippi nell?immediato post partita: ?E? stata una gara storta sotto tutti i
punti di vista. Il primo gol della Roma è arrivato al loro primo tiro in
porta, da parte nostra c?è stata una reazione, ma purtroppo per correggere
la partita ci voleva qualcosa in più. Comunque noi non abbiamo alcuna
intenzione di mollare. La batosta di ieri, se saremo bravi, non ci potrà
fare che bene. Le avversarie? Certo che se Milan e Roma terranno questo
passo meriteranno di vincere, ma noi dobbiamo crederci. C?è la possibilità
di rimontare in campionato, abbiamo la Coppa Italia e la Champions League,
tante sfide emozionanti e, fidatevi, sono sicuro che a fine stagione
festeggeremo qualche successo ?.
Il supporto dei tifosi in questo particolare momento è molto importante:
?E? un legame forte – conferma Alex ? per tanti anni abbiamo regalato loro
grandi soddisfazioni e loro ci sono sempre stati vicini, è importante che
lo siano anche adesso. E? stato bello che ci abbiano applaudito mentre
all?Olimpico eravamo sotto di due reti. E? vero, il tifoso juventino è
particolare, pretende tanto ma sa anche sorreggerti nei momenti di
difficoltà?.