Archivio

Archivio 3 Dicembre 2003

periodo nero

3 Dicembre 2003 Commenti chiusi


Non è proprio la settimana più fortunata per la Juventus. Dopo la sconfitta in campionato con l?Inter, i bianconeri perdono l?imbattibilità anche in Champions League. A Dortmund finisce 2-0 per il Galatasaray (doppietta di Hakan Sukur), ma è un ko che sa davvero di beffa per la squadra di Lippi, capace di creare almeno 6-7 palle gol pulite (in particolare nel primo tempo) e di far fare al portiere Mondragon un figurone. Girone D ancora aperto in entrambi i verdetti, che saranno emessi il 10 dicembre. Alla Juventus basterà un punto con il già eliminato Olympiacos (ma in corsa per la Coppa Uefa) per conquistare il raggruppamento. A San Sebastian, Real Sociedad e Galatasaray, ora divise da due punti, si giocheranno l?altro posto per gli ottavi di finale.

Sette giorni dopo il previsto, va finalmente in scena Galatasaray-Juventus. I terribili fatti che hanno sconvolto Istanbul hanno spinto l?Uefa ad andare lontano dalla Turchia per disputare la gara, precisamente in Germania, a Dortmund. Eppure, a guardare gli spalti del Westfalen Stadion sembra di essere in riva al Bosforo visto l?entusiasmo che c?è attorno alla squadra di Terim. Troppo entusiasmo, che porta addirittura il match a far ritardare di altri 15 minuti prima di iniziare finalmente la gara.

Come annunciato alla vigilia, Lippi rivoluziona letteralmente la squadra scesa in campo con l?Inter cambiando tutti gli 11 titolari. Quindi Chimenti in porta, difesa con Tudor, Ferrara, Iuliano e Pessotto, centrocampo con Maresca, capitan Conte e Davids, Zalayeta schierato largo a destro a cercare di dare manforte alla coppia d?attacco formata da Miccoli e Di Vaio. In panchina, pezzi da novanta come Buffon, Birindelli, Montero, Camoranesi, Nedved, Appiah e Trezeguet.

Due squadre, due obiettivi diversi. Sicuramente più pressante quello dei turchi, costretti a vincere per sperare ancora nella qualificazione. Qualificazione che i bianconeri hanno invece già conquistato in anticipo e che cercano solo l?ausilio della matematica per conquistare il primo posto assoluto del Gruppo D. Allora Galatasaray a spingere e Juve pronta a ripartire. Come succede al 12?. Si parte da un angolo per i ?padroni di casa?, Maresca esce palla al piede e innesca un contropiede che, con l?ausilio di Miccoli, lancia Di Vaio solo in una prateria. L?attaccante romano arriva in solitudine davanti a Mondragon che si salva però alla grande. La risposta turca è affidata al sempre pericoloso Hakan Sukur che mette però a lato da posizione invitante. Intanto, in un colpo solo, Zalayeta e Conte prendono il giallo e finiscono sul taccuino di Milton Nielsen. Al 23? ancora Di Vaio vicinissimo al vantaggio. E? un?altra ripartenza da manuale partita dai piedi di Maresca, tocco per Miccoli che centra basso per il compagno il cui tocco sottomisura è ancora una volta fermato da un grande Mondragon.

Meno impegnativa ma comunque sicura la parata di Chimenti al 28? su punizione di Cesar Prates. Stesso minuto, altra punizione dall?altra parte del campo ed esecuzione strepitosa di Miccoli che supera Mondragon ma va a stamparsi clamorosamente sull?incrocio dei pali. E? una Juve che ogni volta che accelera rischia di fare male. Bello il duello tra i due portieri e Chimenti si dimostra all?altezza del collega colombiano distendendosi al 33? per fermare un tiro dal limite di Berkant. Cambio di fronte e altro destro di Di Vaio su imbeccata del solito Maresca: palla fuori di poco. Davvero una gara avvincente quella del Westfalen Stadion. Minuto 38?, ancora Di Vaio su piazzato di Miccoli e pallone alto. Seguito un attimo dopo da un bel sinistro di Davids che sorvola di un niente la traversa. Ora è un dominio bianconero e Mondragon è assolutamente strepitoso su Maresca prima e su Miccoli e Di Vaio poi. Terim capisce che così non va e prima del riposo cambia il brasiliano Cesar Prates con Hasan Sas. Squadre all?intervallo sullo 0-0 ma con la netta sensazione che sia un risultato che sta non poco stretto alla squadra di Lippi.

Ripresa. Squadre invariate, ma questa volta è subito vero assalto per il Galatasaray che al 2? riesce a passare in vantaggio. Proprio come al Delle Alpi è un colpo di testa di Hakan Sukur a superare Chimenti. E la Juventus riparte proprio come aveva chiuso il primo tempo, incassa il colpo e sfiora il pari due volte in un batter d?occhio, prima con Maresca dal limite ma Mondragon mette in corner e dalla bandierina con Di Vaio ma è sempre il numero uno turco a salvarsi. Al 6? ci prova ancora Davids: centrale. Cinque minuti dopo Mondragon sempre protagonista su colpo di testa di Maresca servito dal cross di Miccoli. Al 25? riprende l?assalto bianconero, tanto per cambiare con Di Vaio che si inserisce tra De Boer e Mondragon che si salva ma si scontra con il compagno. Al 30? primo cambio per Marcello Lippi: esce Iuliano ed entra Appiah. Ma l?occasione più grossa è ora per i padroni di casa con Berkant che si presenta a tu per tu con Chimenti ma mette a lato.

I turchi crescono alla distanza e al 38? è Sabri a sfiorare il raddoppio al termine di una brillante azione personale. Altro cambio bianconero con Camoranesi che prende il posto di capitan Conte. Ma il finale è tutto del Galatasaray che nel quarto dei cinque minuti di recupero trova anche il raddoppio, sempre con Hakan Sukur. Finisce con un 2-0 che, soprattutto alla luce di quanto visto nel primo tempo, sa davvero di beffa per la Juventus. Primo posto non ancora matematico. Toccherà aspettare altri 8 giorni, il 10 dicembre, quando al Delle Alpi arriverà l?Olympiacos.

La nuova classifica del Gruppo D
02 12 2003
Alla luce di questo Galatasaray-Juventus, la classifica del Gruppo D vede la Juventus sempre in testa a quota 10, la Real Sociedad seconda a 8, salto in avanti dei turchi che si portano a 6, Olympiacos a 4, già eliminata.